Partnership istituita per stimolare e facilitare l'adozione di ambienti hardware/software emergenti orientati all'HPC (Calcolo parallelo e distribuito nei suoi diversi paradigmi) sia per la ricerca sia per le applicazioni industriali, sociali e commerciali.

Southern Partnership for Advanced Computational Infrastructures

Il progetto SPACI è stato finanziato dal MIUR, nell'ambito del Programma Operativo Nazionale "Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione" (2000-2006), fondato dal Ministero della Pubblica Istruzione e riconosciuto come progetto di Eccellenza nel campo delle Scienze Computazionali e dell'Ingegneria.
Il progetto è nato, nell'ambito dell'High Performance Computing, con l'obiettivo di creare una collaborazione produttiva tra l'Università di Lecce (CACT), il Centro di Ricerche sul Calcolo Parallelo e Supercalcolatori (CPS/CNR) di Napoli (una joint venture tra CNR e Università di Napoli) e l'Università della Calabria.
L'obiettivo principale del progetto ha riguardato la creazione di una Griglia Computazionale del sud Italia, seguendo il successo di US/NPACI mettendo in collegamento più di 40 istituti di ricerca in 20 stati degli USA.
La Griglia Computazionale ha coinvolto tre nodi appartenenti alle regioni dell'Obiettivo 1:

  • Centro per le Tecnologie Computazionali Avanzate (CACT, direttore prof. G. Aloisio) del NNL: coinvolto su diversi progetti e applicazioni che riguardano lo sviluppo di tecnologie Grid con particolare riferimento al middleware;

  • Centro di Eccellenza del MIUR per l'High Performance Computing (HPCC - Calabria, direttore prof. L. Grandinetti) dell'Università della Calabria: uno dei principali istituti di ricerca incentrato sulle metodologie per il calcolo parallelo e distribuito e lo sviluppo di software e algoritmi in diversi campi della ricerca;

  • CPS/CNR - Napoli (direttore prof. A. Murli): istituito nel 1994 come iniziativa congiunta tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche e l'Università di Napoli "Federico II". Il CPS/CNR, è stato fin dagli esordi coinvolto nel progetto grazie ad una forte esperienza nello sviluppo di middleware e di librerie scientifiche per il calcolo parallelo.

La partnership ha realizzato la condivisione di risorse computazionali e di competenze scientifiche e tecnologiche, con particolare riferimento a quei settori applicativi che richiedono l'utilizzo di calcolo ad alte prestazioni.

I leader del progetto SPACI (prof. G.Aloisio, prof. L. Grandinetti, prof. A.Murli) sono stati coinvolti, con i loro gruppi di ricerca, nel progetto europeo EGEE (Enabling Grids for E-science in Europe). Nell'ambito di tale progetto, SPACI ha dato sostegno alla comunità IA64 fornendo supporto agli utenti, partecipando al porting del middleware LCG su questo tipo di piattaforma.

Il progetto SPACI rientra in una serie di progetti nel PON che si sono distinti per l'efficacia dei suoi obiettivi, per il loro carattere innovativo o per il suo contributo nella risoluzione di problemi particolari (documento in pdf del MIUR).

Di seguito i link alla relazione finale del progetto trasmessa al direttore generale del CNR dal responsabile scientifico del progetto (prof. A. Murli) e un report sulle attività scientifiche e tecnologiche svolte nell'ambito del progetto.